Oltre Il Limite Che C'è

Testo di Daniele Battaglia

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone Oltre Il Limite Che C'è di Daniele Battaglia .

Mentre il cielo cuce il mare addosso a se, e la sera si trascina come me, io mi fermo qua, con le mani nelle tasche a modo mio, spento nella trama del tuo addio. E la luna in controluce scende già, con le vele in braccio al vento, non so più, che cos'altro c'è, che mi tiene ancora qui sempre in bilico, oltraggioso ora no, oltre il limite che ho. Apro le braccia all'amore, dovrò arrendermi con tutto il coraggio che ho, per poi spingermi di più, e un pretesto mi porterà ai tuoi occhi di un anno fa, e portrò perdermi, nell'abbaglio che ho di te Mentre il cielo lancia scheggie su di me, la candela si consuma e cenere, tu ti fermi la,nell'imbroglio dei silenzi si può perdere, la ragione che ti fa esistere Apro le braccia all'amore, dovrò vendermi, tutto il coraggio che ho, per poi spingermi di più e un protesto mi porterà , ai tuoi occhi di un anno fa, e una timida carezza cadrà , l'anima, ti graffierà per poi dirti che, sarà sempre oltre il limite che c'è Apro le braccia all'amore, dovrò spendere tutto il coraggio che ho, per poi spingermi di più e un pretesto mi porterà ai tuoi occhi di un anno fa, di cristallo che non so scordare, io ti voglio amare, e alla fine perdere, anche il grido che nascerà ed il nero si sporcherà di quest'anima, oltre il limite che c'è