L'era Tardi

Testo di Enzo Jannacci

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone L'era Tardi di Enzo Jannacci .

E l'era tardi, l'era tardi
in qu?la sera straca
che m'? vegn? el bisogn'
d'on mila franch'
per quatt? 'na trata,
domandaij gh'avevi vergogna,
domandaj, saveij no a chi l'?
gh'era el Rino, l'? vera,
el Rino! sold? insema
in d'i bersaglier.
E l'era tardi, l'era tardi
in qu?la sera straca
per disturba' la gent'
sp?sa' de poch',
col la?ra' ch'el fiaca
"La me scusa, sciura,
gh'? el Rino? La ghe disa: gh'? el bersaglier!"
e el ven gi? di i scal' in camisa,
mi sorridi, l? nanca on vers'!
"Ciao Rino, scusa,
el s? l'? tardi,
ma in questa sera straca,
vol?vi sal?dart',
ciam?a i beij temp' de la guera vaca!
Quand' te' seret sensa morosa
quand' che andavom a
ciap?a i cioch'...
si, ma Rino, gh'? n'altra roba, va no via Rino...
ciao Rino, oeh!"
E mi el savevi, l'era tardi
de disturb? la gent',
ciap?a magari a fa' l'amor,
la gent' che la gh'h? i so' impegn'...
si, ma 'emm fa' anca la guera 'nsema
sott'ai bomb, contr'ai f?silad,
var p?ss? che on bel mila lira
in saccoccia desmenteg?