Non c'è male

Testo di Antonello Venditti

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone Non c'è male di Antonello Venditti .

Sono figlio del vento perchè mio padre faceva il partigiano rosso è il mattino e l' inverno è già qua libero in ogni stagione ho visto centomila città solitudini perpetue finchè stiamo bene stai qua al resto ci si penserà la proposta ci pare interessante noi paghiamo lei resta riverente senza respiro ma pieno di speranze quando richiesto il popolo risponde non c'è male non c'è male mi sento veramente utile nonna dice "l'inverno passò e l' anno dopo non tornò" a chi pensa sono solo bla bla regalo una moneta d' oro c'è una sola cosa che so sto meglio quando sto bene la proposta ci pare interessante noi paghiamo lei resta riverente senza respiro ma pieno di speranze comanda a me comandante c'è una bomba in stato interessante dentro ogni povero deficiente senza respiro ma pieno di speranze quando richiesto il popolo risponde non c'è male non c'è male