È Già

Testo di Dargen D'amico

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone È Già di Dargen D'amico .

Un poliziotto si annoia e un ragazzo muore alla madre diranno che è colpa del piercing al cuore che le cose belle finiscono tutte prima o poi che è colpa dell'ambiente che in pratica siamo noi e un bambino vola, giù per quattro piani non hanno ancora fatto in tempo a crescergli le ali la vita è una cosa, meravigliosa è un'indossatrice di abiti da sposa, che non si sposa Ritornello: C'è già il futuro e l'uomo lo scrive c'è già il futuro tra i fiumi e le rive del mare più scuro,tra luci già spente c'è già il futuro, è quasi presente E qualcuno incassa i soldi di Dio come se io incassassi un assegno che non è mio, e vi tranquillizzassi darò tutto al proprietario che per problemi con il nome risulta ritardatario trascinati in tribunale da Gesù Bambino vuole rivedere il contratto del suo destino ok per l'oro, ma rifiuta incenso e mirra in cambio vuole euro 9 cento mila Ritornello: C'è già il futuro, speranza e paura c'è già il futuro, nessuna avventura nel giorno più duro, per chi se n'è andato c'è già il futuro, è quasi passato Mi prendo le mie colpe, ho istupidito la gente ma non mi pento del passato, mi pento del presente tattoo da marinai, solo per le strade perché non ne è rimasto mare da navigare l'acqua serve solo per raffreddare la centrale nucleare centrale la medicina continua a fare progressi purtroppo non vivremo mai abbastanza per vederli Ritornello: C'è già il futuro, e a molti non piace c'è già il futuro, la voglia di pace è già scritta sul muro, da mani tremanti c'è già il futuro e cammina d'avanti, a te!