Te Credevo Sincera

Testo di Gianni Celeste

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone Te Credevo Sincera di Gianni Celeste .

E 'mmò che staie penzanne tu, e 'mmò pecchè nun parle 'cchiù, chistu silenzio più delle parole me fà capì' ca tu sì stanca 'e mè. E 'mmò penziero nun cagnà', e 'mmò vattenne pure và, quel nostro posto ce 'o scurdamme 'nzieme, e 'nu ricordo sulo restarrà. T'aggia dicere sulo 'na cosa, dint''o pietto 'stu core sta ascenno pe' ttè, ma perchè mi pugnali alle spalle, te credevo sincera e sincera nun sì, dint''e mè 'na tempesta di sabbia, ma pecchè tu stasera me vuò' fà suffrì' no, nun me lassà. Senz''e tè sò' 'na vela stracciata, una nave che affonda che piano va giù, senz''e tè se fà cupo 'stu cielo, e rimane accussì pecchè 'o sole sì tu, t'aggia dicere ancora 'na cosa, non lasciarmi morire rimane cu' mmè, nun m'abbandunà'. Si vuò' tu salve 'a vita mia, si vuò' restamme 'nzieme io e te, nun me rispunne ancora stu silenzio me fà capì' ca tu sì stanca 'e mè. T'aggia dicere sulo 'na cosa, dint''o pietto 'stu core sta ascenno pe' ttè, ma perchè mi pugnali alle spalle, te credevo sincera e sincera nun sì, dint''e mè 'na tempesta di sabbia, ma pecchè tu stasera me vuò' fà suffrì' no, nun me lassà. Senz''e tè sò' 'na vela stracciata, una nave che affonda che piano va giù, senz''e tè se fà cupo 'stu cielo, e rimane accussì pecchè 'o sole sì tu, t'aggia dicere ancora 'na cosa, non lasciarmi morire rimane cu' mmè, nun m'abbandunà'. ( Per finire ) T'aggia dicere ancora 'na cosa, non lasciarmi morire rimane cu' mmè, nun m'abbandunà'.