Stento

Testo dei Marta Sui Tubi

Qui di seguito puoi leggere il testo della canzone Stento dei Marta Sui Tubi .

Ho sognato nuvole nere in mano di un uomo strano Che annientavano Dio Con aria distesa un cristo qualunque sorrideva Chiedendo un altro Martini e. Piccole luci ci spiavano mentre la luna piangeva o rideva? Bo! Eccola in mondovisione la nostra gente cadere Ed ammassarsi su tetti di case ingegnose E riesco a stento a convincermi che Questa è la mia terra. Queste mani ferite da tanto scavare Trovano l'oblio Credi sia inutile aprire la cerniere del tempo e far pisciare Dio e. File di uomini e spade affondate sui cuori dei miei padri gementi E schiene votate al tormento di doglie silenziose e di cazzi bastardi E riesco a stento a convincermi che Questa è la mia pelle